Simone Viburni.

UX Analitico: Creare Connessioni Emotive Autentiche

Un equilibrio armonioso tra l’aspetto razionale e l’aspetto emotivo per connettere gli utenti con il proprio prodotto/servizio

Indice dei contenuti

Introduzione

Nell’era digitale, il marketing si è evoluto da una mera presentazione di prodotti a una profonda comprensione dell’essere umano e dei suoi comportamenti. Uno degli elementi centrali di questa evoluzione è l’User Experience (UX).

Inizialmente concentrato sull’approccio cognitivo-comportamentale, quindi sulla comprensione delle risposte cognitive degli utenti, l’UX ha la possibilità di abbracciare una prospettiva più profonda e ricca attraverso l’approccio analitico.
Questa trasformazione rappresenta un passaggio cruciale nell’interazione emotiva con i consumatori.

L'UX Cognitivo e i suoi limiti

L’approccio cognitivo-comportamentale nell’UX si concentra sostanzialmente sulla comprensione delle reazioni immediate e razionali degli utenti di fronte a stimoli specifici.
Attraverso l’impiego di tecniche come l’imaging cerebrale e l’analisi delle risposte neurali, i professionisti del marketing hanno cercato di ottimizzare l’esperienza utente, influenzando le decisioni d’acquisto grazie alla comprensione dei processi cognitivi e comportamentali.
Tuttavia, questo approccio ha mostrato i suoi limiti nella sua capacità di penetrare l’essenza più profonda delle motivazioni umane e delle connessioni emotive.

L'UX Analitico. Un approccio più completo

L’approccio dell’User Experience (UX) basato sulla psicologia analitica è profondamente influenzato dalla visione di Carl Gustav Jung.
Questa prospettiva si differenzia dall’UX tradizionale poiché si focalizza sull’indagine dell’inconscio e sull’esplorazione degli archetipi umani, approfondendo le motivazioni sottostanti, i desideri nascosti e i simboli universali che hanno un impatto sulle decisioni e sulle esperienze dei consumatori.

Attraverso i simboli e i pattern comportamentali che emergono dall’inconscio collettivo, è possibile creare delle strategie più efficaci per coinvolgere e influenzare i consumatori. Questo approccio, consente di progettare esperienze più significative e coinvolgenti attraverso i simboli.
Il simbolo infatti è il mezzo con il quale l’archetipo si mostra, appunto in maniera simbolica. Il simbolo ci rivela l’archetipo e in un contesto di storytelling ad esempio, diventa un potente mezzo per creare una connessione tra quella storia e il pubblico.

Andando al di là delle reazioni immediate, si cerca di collegare emotivamente i consumatori attraverso elementi che risuonano profondamente con la loro psiche e le loro esperienze collettive, creando così connessioni profonde e durature con il brand o il prodotto.

Individuazione e autenticità

L’approccio analitico nell’UX si focalizza sull’individuazione, ovvero il processo di ricerca e espressione della propria identità unica. Questo concetto chiave suggerisce che le esperienze utente dovrebbero consentire ai consumatori di esplorare ed esprimere la propria individualità, promuovendo un senso di autenticità e appartenenza.

Ad esempio, un’applicazione di moda potrebbe offrire una gamma diversificata di stili, consentendo ai consumatori di esplorare e scoprire abbigliamenti che rispecchiano la loro personalità unica, anziché limitarsi a suggerire soluzioni generiche basate su tendenze di massa.

L’obiettivo è quello di creare un ambiente in cui i consumatori si sentano compresi, rispettati e in cui possano esprimere la propria individualità senza giudizio. Ciò promuove un senso di appartenenza e autenticità, poiché le esperienze sono allineate con le prospettive, le aspirazioni e le identità uniche dei consumatori stessi.

Integrare non significa sostituire

Adottare un approccio analitico all’UX, non significa sostituire gli aspetti cognitivi e comportamentali. Piuttosto, si va ad aggiungere un livello di profondità ulteriore, che integra sia l’aspetto razionale che quello emotivo dell’esperienza utente.

Gli aspetti cognitivi, come la comprensione, l’apprendimento e il processo decisionale razionale, continuano a essere fondamentali nell’UX.
La facilità d’uso di un’applicazione o la chiarezza nella presentazione delle informazioni rimangono essenziali per garantire che gli utenti possano interagire e comprendere il sistema in modo agevole e intuitivo.

Allo stesso tempo, l’aspetto emotivo è preso in considerazione attraverso l’uso di elementi che suscitano emozioni, come colori, design, storytelling e linguaggio visivo. Queste componenti influenzano le risposte emotive degli utenti, contribuendo a plasmare le percezioni e le connessioni emotive con il marchio o il prodotto/servizio.

Conclusioni

In conclusione, l’UX basato sulla psicologia analitica si avvale dell’inconscio collettivo e degli archetipi per plasmare un’esperienza che risuona profondamente con le motivazioni intrinseche e i simboli universali dei consumatori, andando oltre la superficie delle reazioni immediate per creare connessioni emotive più autentiche e significative.

L’obiettivo è quello di creare un equilibrio armonioso tra l’aspetto razionale e quello emotivo, permettendo agli utenti di interagire con un’esperienza che non si limiti a soddisfare le loro esigenze funzionali, ma che sia in grado di coinvolgerli anche sul piano emotivo.

Quando gli aspetti cognitivi ed emotivi sono integrati in modo sinergico, si genera un’esperienza più ricca e coinvolgente che tiene conto delle complesse dinamiche della psicologia umana. Comprendere questo approccio significa stabilire legami più profondi tra gli utenti con il proprio prodotto o servizio.

Torna in alto